Questa pillola molto comune può aumentare il rischio di cancro al seno: lo studio presentato dal The Guardian

Una pillola molto diffusa e utilizzata da moltissime donne nel mondo potrebbe facilitare l’insorgenza del cancro al seno. Ecco lo studio che lo ha provato.

Il cancro al seno è una malattia purtroppo sempre più diffusa tra le donne in cui le cellule del seno crescono senza controllo. La maggior parte delle donne con diagnosi di cancro al seno ha più di 50 anni, ma anche le donne più giovani possono contrarre la malattia. Alcuni studi hanno rilevato che circa 1 donna su 8 può contrarre il cancro al seno durante la sua vita, anche se c’è una buona possibilità di recupero totale se il tumore viene rilevato in una fase iniziale.

cancro al seno pillola aumenta rischio
Una pillola molto comune potrebbe aumentare il rischio di cancro al seno – newsabruzzo

Una nuova ricerca portata avanti dall’Università di Oxford e pubblicata di recente dal The Guardian britannico ha rivelato che l’uso di una particolare pillola di cui fanno uso moltissime donne potrebbe aumentare il rischio di contrarre il cancro al seno. Stiamo ovviamente parlando della pillola anticoncezionale, che è stata a lungo studiata dai ricercatori nel corso di questi ultimi anni. Ma non sarebbe solo questa pillola a rappresentare un problema per la salute delle donne…

Pillola anticoncezionale può aumentare le possibilità di contrarre il cancro al seno

Questa nuova ricerca ha scoperto che tutti i contraccettivi ormonali anche a base di solo progestinico “comportano un piccolo aumento del rischio di cancro al seno”, ha riferito il The Guardian. In precedenza, solo la pillola era stata collegata a un aumento del rischio di sviluppare il cancro al seno e al collo dell’utero. L’analisi dei dati dell’Università di Oxford mostra che l’uso del progestinico ” è associato a un rischio maggiore del 20-30% di cancro al seno“.

pillola anticoncezionale tumore al seno
La pillola anticoncezionale potrebbe avere un ruolo nell’aumento del rischio di sviluppare cancro al seno – newsabruzzo

Ma come si sono svolte le ricerche in merito? I ricercatori hanno raccolto posto sotto esame 9.498 donne che hanno sviluppato un carcinoma mammario invasivo di età compresa tra 20 e 48 anni. I risultati hanno mostrato che il 44% di queste donne avevano avuto una prescrizione contraccettiva ormonale in una media di tre anni “prima della diagnosi del cancro al seno”.

Tuttavia, la dott.ssa Kotryna Temcinaite, responsabile delle comunicazioni di ricerca presso Breast Cancer Now, ha evidenziato i limiti dello studio. Non si è infatti esaminato quali contraccettivi ormonali le donne potrebbero aver usato in passato e nemmeno per quanto tempo potrebbero essere state sotto l’effetto della contraccezione a base di solo progestinico. Inoltre, ha detto la dottoressa, “non ha tenuto conto del fatto che una storia familiare della malattia abbia contribuito all’aumento del rischio “.

Claire Knight di Cancer Research UK ha rincarato la dose dicendo che ci sono molti possibili benefici nell’uso della contraccezione. “Ecco perché decidere di prenderli è una scelta personale e dovrebbe essere fatta solo dopo aver parlato con il medico”.

Impostazioni privacy