Serie A, orrendo risveglio per il calciatore: il dolore della moglie è indescrivibile

La compagna di Theo Hernandez, Zoe Cristofoli, è tornata a parlare su Instagram del terrore provato durante la rapina in casa.

Il Milan sta disputando un’altra ottima stagione, confermando lo scudetto conquistato nella scorsa. I rossoneri sono a tre punti dallo spumeggiante Napoli di Spalletti e hanno in tasca la qualificazione agli ottavi di Champions League: basterà pareggiare in casa con il Salisburgo nell’ultimo turno. Tra i protagonisti della banda di Pioli c’è sicuramente Theo Hernandez, ormai considerato un pilastro del Diavolo grazie alle sue prestazioni via via sempre più convincenti. Tuttavia, se da una parte il terzino sinistro francese può essere pienamente soddisfatto a livello professionale, sul piano privato l’episodio della settimana scorsa continua a creare non pochi problemi a lui e alla sua famiglia.

 

theo hernandez
Theo Hernandez websource

Come ricordato anche da Fanpage, infatti, la scorsa settimana alcuni malviventi si sono introdotti nell’abitazione di Theo Hernandez, muniti di armi. I criminali hanno atteso che il terzino uscisse di casa (si era recato ad una cena di squadra, ndr) per intrufolarsi nell’appartamento e minacciare la compagna del giocatore del Milan, Zoe Cristofoli, rimasta sola con il figlio di sei mesi assieme alla tata e alla cuoca.

“L’esperienza più brutta della nostra vita, vorrei solo giustizia”

I ladri si sono rivolti in maniera molto violenta nei confronti di Zoe Cristofoli, obbligandola ad indicare l’ubicazione della cassaforte per non incappare in guai peggiori. I malviventi, viste le rimostranze della compagna di Theo Hernandez, l’hanno anche aggredita fisicamente, prima che la tata la convincesse ad assecondarli. I quattro furfanti sono fuggiti dopo aver sottratto contanti, orologi e gioielli per un valore complessivo di centinaia di migliaia di euro.

Quanto accaduto nella villa di Cassano Magnago, in provincia di Varese e a poca distanza da Milanello, ha provocato un forte trauma psicologico a Zoe Cristofoli: la veronese ha raccontato tutto su Instagram.

zoe cristofoli
Zoe Cristofoli websource

Oggi stiamo meglio… abbiamo passato credo l’esperienza più brutta della nostra vita. Soprattutto perché era impossibile chiamare aiuto. È stato un incubo – le parole della compagna di Theo Hernandez – Come qualsiasi madre, ho fatto di tutto per proteggere mio figlio, anche sbagliando e mettendo in pericolo la mia vita. Però oggi siamo qui e questa è l’unica cosa che conta davvero“.

Ci penso ogni istante, ogni secondo, ogni momento della giornata, però quando vedo mio figlio, vedo le persone che erano con me, le persone che mi vogliono bene, allora mi sento meglio – ha poi aggiunto Zoe Cristofoli su Instagram – Cerco di parlare, di non chiudermi, non tenermi tutto dentro, perché non va bene. Però ho una famiglia fantastica, un ragazzo fantastico, e tutti mi amano, mi vogliono bene, quindi non potrei volere niente di più. Vorrei solo giustizia per quello che hanno fatto a noi, questo mi sembra ovvio, di tutto il resto non mi importa“.

Impostazioni privacy