Tu sei qui: Home » Politica » Pescara, la soluzione di Margherita D’Urbano (NCD) è la cultura come occupazione giovanile

Pescara, la soluzione di Margherita D’Urbano (NCD) è la cultura come occupazione giovanile


MdU Pescara, la soluzione di Margherita DUrbano (NCD) è la cultura come occupazione giovanilePESCARA – “La cultura come industria va interpretata quale risorsa per una crescita economica sostenibile.” Ne è convintissima Margherita D’Urbano, candidata al Consiglio Comunale con il NCD, tant’è che, insieme all’occupazione giovanile, ha fatto della cultura il caposaldo della propria proposta elettorale.

Entriamo più nel merito attraverso le parole della stessa Margherita: “A differenza di qualche tempo fa, quando economia e cultura parevano due mondi distanti, oggi la cultura deve avere particolarmente senso in funzione dei ritorni economici e della crescita occupazionale che può determinare.

Il settore culturale comprende un insieme composito di attività e a tal proposito bisogna sottolineare una distinzione importante fra due categorie di occupazione culturale: da un lato ci sono le occupazioni culturali riferite a professioni che esprimono direttamente una dimensione culturale, come nel caso degli scrittori, dei pittori, degli scultori, degli attori, dei musicisti, degli architetti e dei librai; dall’altro lato le attività culturali che includono tutti quei ruoli operanti all’interno delle industrie culturali, indipendentemente dalla funzione svolta, sia essa manageriale, amministrativa, tecnica oppure artistica.

Come é evidente, nella produzione culturale ci sono profili decisamente più qualificati rispetto a molti altri settori dell’economia.

La produzione culturale quindi non è solo legata alle attività di valorizzazione del patrimonio storico-artistico, quanto piuttosto alla capacità di creare, organizzare e promuovere nuove attività espressive, che a loro volta si collegano a forme originali di comunicazione e ad un uso intensivo delle nuove tecnologie.

L’impatto dell’occupazione culturale nelle politiche di crescita é oggi molto più evidente rispetto a qualche anno fa ma ciò che si vuol mettere in luce è il contributo potenziale dell’economia della cultura al benessere cittadino.

É obiettivo della mia attività – conclude la D’Urbano – quello di contribuire alla crescita dell’impresa della cultura sul territorio cittadino attraverso la concessione, a imprenditori della cultura, di quote di patrimonio immobiliare comunale oggi inutilizzato e che rappresenta per l’amministrazione un mero costo per gestione e manutenzione; la proposta di conversione di siti industriali dismessi che possano diventare insediamenti culturali multidisciplinari e forme di finanza agevolata per i giovani disoccupati che intendono presentare progetti di impresa culturale.”

pf button both Pescara, la soluzione di Margherita DUrbano (NCD) è la cultura come occupazione giovanile

Copyright ©2013 NewsAbruzzo e' un prodotto di Lead s.r.l. - P.IVA 01966190686 - Registrazione alla sezione stampa presso il Tribunale di Pescara n. 11 del 14/07/2011

la provenienza di alcune foto e' il web; nei casi di involontaria lesione del diritto d'autore,
prego scrivere a redazione@newsabruzzo.it

Scroll to top