Tu sei qui: Home » Attualità » Pescara, Confcommercio invita il Comune a spingere sulla raccolta porta a porta

Pescara, Confcommercio invita il Comune a spingere sulla raccolta porta a porta


Ezio Ardizzi Pescara, Confcommercio invita il Comune a spingere sulla raccolta porta a porta

La Confcommercio di Pescara invita il Comune del capoluogo adriatico a spingere sulla raccolta dei rifiuti porta a porta. In una nota, il presidente di Confcommercio, Ezio Ardizzi (foto), parla di “innegabili vantaggi per l’ambiente e per il decoro della citta’ e in prospettiva anche per la riduzione delle tariffe Tari”.

La nostra associazione – ricorda Ardizzi – da sempre si batte per una città più bella, più attraente, più pulita e più attenta all’ambiente. Chiediamo all’amministrazione di spingere con decisione sulla raccolta dei rifiuti porta a porta sulla falsariga di quanto già fatto con successo da città paragonabili a Pescara come numero di abitanti come Novara, Brescia e Salerno. Certamente occorre sensibilizzare e coinvolgere cittadini ed operatori economici circa i vantaggi derivanti da un sistema più impegnativo, ma occorre insistere a fronte degli innegabili vantaggi per l’ambiente e per il decoro della città. Basti pensare che il porta a porta consentirebbe di eliminare le brutture costituite dai cassonetti e da tutto ciò che attorno ad essi viene accumulato, consentendo una più efficace pulizia delle strade e il recupero di tanti posti auto. Inoltre, i dati dei Comuni sopra citati, annoverati fra i cosiddetti “Comuni ricicloni”, parlano di tassi di raccolta porta a porta fra il 70% e l’80% che significano un notevole incremento di materiali da avviare al recupero e un’altrettanto notevole riduzione dei rifiuti da smaltire in discarica. Ciò significa che i ricavi derivanti dai materiali di recupero e i grandi risparmi conseguibili dal minore invio di rifiuti in discarica, che pesano per circa dieci milioni sul bilancio di Attiva spa, potrebbero più che compensare i maggiori costi del porta a porta e consentire una riduzione consistente delle tariffe TARI per i cittadini e le attività economiche.

Per Ardizzi, gli esempi di Novara, Brescia e Salerno dicono che laddove il porta a porta è a regime ed è fatto come si deve, le tariffe TARI sono le più basse nelle rispettive regioni. Pertanto, Confcommercio invita il sindaco di Pescara Marco Alessandrini, l’Assessore ai rifiuti Paola Marchegiani e l’Assessore ai Tributi Bruna Sammassimo a convocare un incontro alla presenza della Attiva spa “per confrontarci su tale tematica e avviare assieme un percorso virtuoso per il bene di Pescara”.

pf button both Pescara, Confcommercio invita il Comune a spingere sulla raccolta porta a porta

Copyright ©2013 NewsAbruzzo e' un prodotto di Lead s.r.l. - P.IVA 01966190686 - Registrazione alla sezione stampa presso il Tribunale di Pescara n. 11 del 14/07/2011

la provenienza di alcune foto e' il web; nei casi di involontaria lesione del diritto d'autore,
prego scrivere a redazione@newsabruzzo.it

Scroll to top