Tu sei qui: Home » Attualità » Gemellaggio tra Ortona e Stalingrado, città martiri della Seconda Guerra Mondiale

Gemellaggio tra Ortona e Stalingrado, città martiri della Seconda Guerra Mondiale


bombardamento Gemellaggio tra Ortona e Stalingrado, città martiri della Seconda Guerra MondialeORTONA (CH) – A 70 anni dal martirio di Ortona, distrutta nel dicembre 1943 durante la seconda guerra mondiale nei combattimenti casa per casa tra alleati e tedeschi, iniziano le cerimonie per il gemellaggio tra Ortona e Stalingrado, altra città famosa per essere stata teatro di lotta per le vie e le case con un terribile bagno di sangue.

Ortona è infatti l’unica città della seconda guerra mondiale ad aver subito la stessa sorte di Stalingrado, l’odierna Volvograd: ieri in comune a Ortona – chiamata appunto la piccola Stalingrado dagli storici – è arrivata una delegazione proveniente dalla città russa. In vista della sigla dello storico patto si svolgeranno una serie di manifestazioni ed eventi. Nella delegazione russa anche un gruppo di nove studenti, di età compresa tra i 15 e i 16 anni, che saranno ospitati fino al 14 ottobre nelle famiglie ortonesi. Nella mattinata la delegazione ha visitato le scuole con uno scambio di esperienze ed emozioni.

Il legame che da due anni si va cementando tra le due città e che verrà sancito a dicembre con la firma dello storico patto, il gemellaggio tra due realtà accomunate dai tragici eventi del 1943. «Il ricordo degli avvenimenti della seconda guerra mondiale – ha detto il Sindaco – deve servire affinché non capitino mai più fatti di sangue. E noi siamo qui per tenere vivo quel ricordo».

Redazione

pf button both Gemellaggio tra Ortona e Stalingrado, città martiri della Seconda Guerra Mondiale

Copyright ©2013 NewsAbruzzo e' un prodotto di Lead s.r.l. - P.IVA 01966190686 - Registrazione alla sezione stampa presso il Tribunale di Pescara n. 11 del 14/07/2011

la provenienza di alcune foto e' il web; nei casi di involontaria lesione del diritto d'autore,
prego scrivere a redazione@newsabruzzo.it

Scroll to top